Previsti investimenti di 357 miliardi di dollari in progetti infrastrutturali

Con il lancio del secondo Piano di sviluppo nazionale, l’Iraq ha programmato spese per 357 miliardi di dollari in nuovi progetti infrastrutturali nei prossimi cinque anni. L’obiettivo è di diversificare l’economia nazionale nei settori dell’energia, dell’agricoltura, dell’educazione e delle infrastrutture.

Il Piano di sviluppo prevede entrate per 697 miliardi di dollari nel periodo 2013-2017, il 95% derivante dall’export di petrolio. La produzione petrolifera dovrebbe raggiungere i 9,5 milioni di b/g entro il 2017, rispetto agli attuali 3 milioni di b/g, di questi, circa 6 milioni saranno destinati all’export. Con un prezzo del petrolio atteso di 85 dollari al barile, le entrate petrolifere totali dovranno essere di 659 miliardi di dollari.

Nel breve-medio periodo non è previsto un forte incremento del valore delle entrate non petrolifere che nel 2017 dovrebbero raggiungere una quota del 4,3% delle entrate totali.