RASSEGNA STAMPA – Tunisia: Rettore Università di Cartagine, decentralizzazione è chiave per sviluppo paese

 

(Agenzia Nova) – Il reale successo della rivoluzione dei gelsomini in Tunisia dipende dalla realizzazione nell’ultima tappa del processo di transizione democratica: la decentralizzazione del potere e lo sviluppo delle regioni marginalizzate. Lo ha detto Lassaad el Asmi, Rettore dell’Università di Cartagine, al seminario “La Tunisia cinque anni dopo la rivoluzione dei gelsomini: profili sociali, geopolitici ed economici di un paese in cerca di stabilità” organizzato dalla Camera di commercio Italo-araba. Per decenni i regimi della Tunisia ha investito nello sviluppo della fascia costiera, trascurando le aree interne del paese. Oggi dei circa 600 mila disoccupati tunisini (il 15 per cento della popolazione attiva), circa 230 mila sono giovani laureati.

“Questo è il cuore del problema”, ha sottolineato ancora il rettore della prestigiosa università tunisina. “I tunisini si domandano ora se il paese cadrà nell’oscurantismo o se vedranno realizzate le loro aspirazioni: in entrambi in casi ci troviamo davanti a un bivio”, ha detto il rettore. “Le probabilità che la Tunisia esca da questa fase difficile sono considerevoli: le soluzioni dipendono da noi tunisini. Dobbiamo rimboccarci le maniche e smettere di dare le responsabilità ad altri. Bisogna piantare semi buoni attraverso eduzione e cultura: questo è l’unico modo per ottenere risultati”, ha concluso al Asmi.

 

Fonte: http://www.agenzianova.com/a/576ced9a077002.35424367/1375038/2016-06-23/tunisia-rettore-universita-di-cartagine-decentralizzazione-e-chiave-per-sviluppo-paese

http://www.agenzianova.com/a/576cee5fcef9d1.01258785/1375043/2016-06-23/tunisia-rettore-universita-di-cartagine-decentralizzazione-e-chiave-per-sviluppo-paese-2