Successo a Cagliari per il Primo Forum Internazionale della Cooperazione Euromediterranea


CAGLIARI - Duecento partecipanti, oltre 20 relatori tra attori istituzionali (come il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’Autorità di Gestione del Programma ENI CBC MED) e soggetti pubblici e provati della cooperazione nazionale ed estera, 15 buone pratiche di progetti su formazione, educazione, imprenditoria femminile, cultura, portualità, energia, agricoltura, finanza e credito. Sono questi i numeri del Primo Forum Internazionale della Cooperazione Euromediterranea organizzato a Cagliari dalla Camera di Cooperazione Italo Araba in collaborazione con la Fondazione di Sardegna. Un appuntamento al quale hanno partecipato anche alcuni partner stranieri come la Camera di Commercio Italo Maltese e la Camera di Commercio e dell’Industria di Sfax in Tunisia.

La Sardegna si conferma una delle regioni più virtuose e attive nel campo della cooperazione euromediterranea, come dimostrano le tante proposte progettuali che sono arrivate dalla nostra isola nell’ambito del primo bando del Programma Eni Cbc Med, componente transfrontaliera dello Strumento europeo di vicinato (European neighbourhood instrument), il Programma Eni Cbc - Bacino del Mediterraneo. Sono infatti dodici gli attori del territorio regionale, coinvolti in 9 delle 41 iniziative finanziate, tra cui 4 in qualità di capo fila. Le risorse finalizzate a sostenere la realizzazione delle azioni previste nel territorio regionale ammontano a 5,5 milioni di euro.

Tra i progetti finanziati c’è anche MEDST@RTS, che vede come capo fila la Fondazione di Sardegna e che ha come partner proprio la Camera di Cooperazione Italo Araba: “Si tratta di un importante progetto di poco meno di 3 milioni di euro – ha evidenziato il consigliere delegatoRaimondo Schiavone – che punta a favorire l’accesso al credito e la creazione di opportunità economiche e professionali al fine di ridurre la disoccupazione tra i giovani e garantire la loro inclusione sociale nei territori di riferimento. Un progetto che, oltre la Camera, ha come importanti partner la SFIRS Spa (Italia), la Camera di Commercio di Achaia (Grecia), la Camera di Commercio di Sfax (Tunisia), LEADERS (Palestina), la Camera di Commercio Sud del Libano (Libano). Siamo molto soddisfatti per il risultato raggiunto, perché questo programma rappresenta la più importante iniziativa di cooperazione con tredici Paesi coinvolti ed un budget di oltre 209 milioni di euro e vede la partecipazione di più di novanta regioni appartenenti a tredici diversi Paesi: Cipro, Egitto, Francia, Giordania, Grecia, Israele, Italia, Libano, Malta, Palestina, Portogallo Spagna e Tunisia”.

Nel corso del Forum di Cagliari è stato annunciato l’imminente pubblicazione del nuovo bando del Programma ENI CBC MED per il finanziamento di progetti di un valore di 68,5 milioni di euro. Altra novità emersa nel corso del Forum è l’ingresso dell’Algeria tra i paesi coinvolti nel Programma, un’importante novità giunta in un momento politico delicato per il paese del nord Africa.