A Roma la quinta edizione di Rome MED – Mediterranean Dialogues


 

Presso l’Hotel Parco dei Principi di Roma, dal 5 al 7 dicembre, si terrà la quinta edizione di “Rome MED – Mediterranean Dialogues”, la conferenza promossa a partire dal 2015 dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall’ISPI, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Al centro delle tre giornate d’incontri il futuro del Mediterraneo, macro tema che verrà affrontato attraverso l’approfondimento di questioni cruciali riguardanti la sicurezza, le migrazioni, l’economia e lo sviluppo, la società civile e la cultura.

Ad aprire la giornata di dialogo del 6 dicembre sarà Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, mentre il 7 dicembre si terrà un intervento di chiusura dei lavori da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Fra gli ospiti dei MED Dialogues è prevista la partecipazione di oltre 40 leader fra Presidenti, Primi Ministri e Ministri, nonché circa 1000 tra imprenditori, accademici, esponenti di note organizzazioni internazionali e studiosi provenienti da oltre 50 Paesi.

In particolare, gli esperti, durante l’evento, si proporranno di accogliere le sfide e le opportunità del Mediterraneo “allargato”, confrontandosi su temi strategici come le principali crisi regionali, con una particolare attenzione alla realtà libica e a quella siriana, il terrorismo e la questione dell’ISIS, la competizione geopolitica fra i diversi attori regionali, i flussi migratori e le conseguenze dei cambiamenti climatici sullo scenario geopolitico, le nuove prospettive energetiche e il ruolo degli investimenti e delle nuove tecnologie nella regione.

In preparazione a Rome MED, al fine di raccogliere idee e proposte per gli incontri di dicembre in un clima di cooperazione, condivisione e apertura al dialogo, sono stati organizzati nei mesi precedenti 10 incontri preparatori, “Towards MED”, nelle città di Doha, Ginevra, Bruxelles, Roma, Abu Dhabi, Mosca, Beirut, Washington, New York e Riad.

Fonte: esteri.it