Gli Emirati Arabi Uniti e la sfida dell’Expo Dubai 2020


La decisione di rinviare di 12 mesi l’apertura dell’Esposizione Universale di Dubai, a seguito della pandemia del corona virus, non ci ha colti impreparati. L’aggravarsi dell’emergenza su scala globale rende impossibile la realizzazione di un evento che, secondo le previsioni, vedrà la partecipazione di oltre undici milioni di visitatori. Si sposta, quindi, quindi di un anno con la speranza che a quel tempo il mondo possa dire di aver sconfitto definitivamente un virus che, comunque andrà, avrà cambiato non solo le persone e i luoghi, ma anche i rapporti economici e sociali. La Camera di Cooperazione Italo Araba aveva deciso di realizzare una monografia sull’Expo all’inizio dell’anno, con l’obiettivo di fornire una sorta di guida a tutti quegli imprenditori che guardavano agli Emirati Arabi come un mercato di riferimento per investire e fare affari. Siamo sicuri che la ripartenza, soprattutto in questa parte del mondo, anche grazie all’EXPO, sarà decisa e vigorosa. Per questo, abbiamo deciso di pubblicare comunque questo quaderno con l’obiettivo di supportare, anche a titolo informativo, tutti coloro che sono interessati ad avviare processi di internazionalizzazione verso gli Emirati Arabi Uniti, un partner commerciale molto importante per il nostro paese. 

Hanno collaborato: Mario Mancini, Raimondo Schiavone, Laura Pinna, Nicola Castelli, Arianna Barbano e Alessandro Aramu